>

Dialogo immaginario - Il Blog di Mattocalcolato - Mattocalcolato

ASD SCACCHISTICA PORDENONESE
MattoCalcolato
Vai ai contenuti

Dialogo immaginario

Mattocalcolato
Pubblicato da in Letteratura ·
Tags: scacchi
[image:image-0]Dialogo immaginario
Tratto dagli scritti di A. Cheron, scacchista e compositore di scacchi francese naturalizzato svizzero.
Tre volte campione di Francia, scrittore, Maestro e Arbitro internazionale, fece parte della nazionale francese alle Olimpiadi di Londra nel 1927 e dell'Aja nel 1928
Dr.Euwe vs Cheron (Olimpiadi Londra 1927)



IL GIOCATORE DI SCACCHI: II gioco degli scacchi è il re dei giochi dello spirito. Ignora l'azzardo, questa ingiustizia che cosi spesso umilia il talento. Lei dovrebbe proprio imparare a giocare a scacchi.
IL PROFANO: Troppo lungo e difficile.
IL GIOCATORE Di SCACCHI: Sciocchezze! Un bambino di dieci anni può imparare a giocare a scacchi in due ore. Quello che è lungo e difficile non è imparare a giocare, ma è giocare bene.
IL PROFANO: È un gioco che non mi dice niente. Ci vuole troppa pazienza. E pensare che alcuni suoi colleghi stanno lì a riflettere regolarmente dai tre ai quattro minuti, e talvolta anche mezz'ora prima di decidersi a spostare un pezzetto di legno su un quadrato bianco e nero! [...] Non è forse vero che la pazienza è la più importante qualità nel gioco degli scacchi?
IL GIOCATORE DI SCACCHI: Quasi quanto dire che la resistenza ai torcicolli è la qualità tipica dell'astronomo! Mio caro, i giocatori di scacchi non hanno bisogno di avere pazienza: giocano perché si divertono. Vada in un circolo e ve¬drà come sono assorbiti nel gioco! Uno fuma una sigaretta spenta; l'altro con il cucchiaino mescola distrattamente lo zucchero che si è dimenticato di mettere nel caffè. Ma non si preoccupi per lui, tanto sarà il vicino che lo berrà.
IL PROFANO Ma allora qual è la principale qualità del giocatore di scacchi?
IL GIOCATORE Di SCACCHI: L'immaginazione [...]
IL PROFANO: Mi piacerebbe trarre godimento da questa arte ma lei mi ha detto che imparare a giocare è lungo e difficile.
IL GIOCATORE DI SCACCHI: [...] Non c’è bisogno di essere Beethoven per gustare Beethoven.
IL PROFANO: |...| Lei ha distrutto tutti i miei pregiudizi sugli scacchi. Voglio proprio tentare di imparare questo gioco. Dopo tutto che cosa rischio?
IL GIOCATORE DI SCACCHI: Tutt'al più un po’ di tempo libero, ma in cambio conoscerà nuove gioie.







Nessun commento
















scacchi   partite    finali    didattica    Massi    sfide    Licandro    Mozzon    Stelio    mago    strutture    mediogioco    isolano
Tal    GM  storia
Torna ai contenuti